sábado, 27 de diciembre de 2008

Non desiderare la donna d' altri

come spiegarti la forza con la quale sento
ogni attimo della mia esistenza,
come spiegarti l' amore struggente che spinge
ogni mia azione,
come spiegarti l' incolmabile bisogno di esprimere
ogni mio pensiero
e come dirti che ogni poro della mia pelle è vivo
e desidera, ti desidera?

come urlarti che amo follemente
questo filo sottile di vita,
che non posso fare a meno di rischiare la caduta
perchè adoro volare?

come dirti che non sono le tue colpe
che mi fanno ciò che sono,
bensì il mio sogno di libertà
che non vuole dare nome alle cose?

come dirti che la mia fede non ha dio
però il mio credo non ha limiti?
che il mio corpo non ha sesso
però il mio cuore solo ama!

come spiegarti che guardo ogni giorno in faccia la morte
e le sorrido perchè lei è con me,
è il senso della mia vita
è l' amore della mia lotta
è la giustizia della nostra attesa
è il sangue delle mie lacrime

eppure mi abbandona
e mi lascia nuda
qui
in queste lenzuola fredde
dove ci sono solo io,
solo me
scalciante, scalpitante,
gemente e urlante in un letto di lussuria
che sogna il giorno in cui tu mi amerai
perchè non ti farò più paura.

(domani lascio l' Italia, che so che non mi vuole)

4 comentarios:

mery dijo...

Anda vuelve.

espe dijo...

Al final tendré que aprender italiano para comprender en plenitud la belleza de tus palabras... Eres una diosa!!! contemplativa... Y FOLLATIVA!!

Lubna Horizontal dijo...

No entiendo mucho lo que dices, pero algo sí, me encantaría poder ver en este poema más de lo que mi intuición torpe de lo que es el italiano me permite ver.

Me gusta esto "che sogna il giorno in cui tu mi amerai
perchè non ti farò più paura"

Brava,
t.a.
Diana

carmen dijo...

ciò che hai scritto mi sembra bellissimo..
meravigliosamente pieno della vita che certe volte fa bene, altre male, ma genera sempre emozioni intense.
grazie di condividerle.
carmen